Helen Dowling (n. 1982, Regno Unito) lavora con una pratica multidisciplinare che ha la capacità di trasferire empatia ed emozioni all’interno del medium video. Piuttosto di lavorare con i racconti, i suoi video, le sue fotografie e gli oggetti giustappongono elementi di base come il ritmo, colore e suono attirando gli spettatori in una sequenza di sensazioni che si relazionano e si costruiscono l’una sopra l’altra. Si è laureata al Goldsmiths College di Londra, conseguendo il master alla Slade School of Fine Art di Londra e vincendo 2 anni di residenza alla Rijksakademie van beeldende kunsten. Le sue recenti mostre includono ‘Flesh of the World’, University of Toronto, ‘VISIO’, Villa Romana, ‘Euritmie’, The Castelvecchio Museum, Verona, ‘Open Studios’ Viafarini Artists in Residence, Milan, ‘Disabled by Normality’, DOX Centre for Contemporary Art, Prague e ‘l’evento immobile’, Casa Masaccio, Tuscany. Le future esibizioni del 2015 includono invece una persona al Kazachenko’s Appartment, Oslo and M4, Amsterdam. Con il suo progetto di ricerca, che indaga le possibilità di trascinamento ritmico nel contesto di immagini in movimento, si è aggiudicata un finanziamento dalla Fondazione Mondriaan. Durante l’estate sarà in residenza presso il M4gastatelier, Amsterdam.