Arcangelo Sassolino | Rimozione

Home / MOSTRE / Arcangelo Sassolino | Rimozione

ARCANGELO SASSOLINO   Rimozione

Per la prima mostra personale ad Artericambi, Arcangelo Sassolino inciderà il pavimento della Galleria e lo strapperà dal suolo sospendendolo per aria. Quintali di piastrelle e calcestruzzo tenuti insieme da una rete metallica elettro saldata formeranno un tassello cementizio rettangolare con una superficie di venti metri quadri, che verrà sollevato ad altezza d’occhio tramite dei cavi di metallo. L’area sottostante rivelerà il suolo nudo come la fossa di un camposanto. Al termine della mostra la “scultura” verrà nuovamente calata a terra per ricomporre il pavimento.Colossale per dimensioni, peso e dispendio di mezzi, l’opera irrompe violentemente nella struttura ordinata dell’edificio imponendosi allo sguardo ed evocando una dimensione temporale legata al passato e alla memoria da un lato, dall’altro si caratterizza per il suo notevole impatto formale. Infatti, sia il trauma dello strappo nel pavimento ottenuto con evidente impiego di forza fisica, sia la tensione fra la gravità della scultura e la sua collocazione aerea sono elementi che difficilmente lasciano freddi. Contrasti, attriti e cicatrici marcano un’estetica basata su equilibri spinti al limite e che per associazione di idee richiamano quei contrasti, attriti e cicatrici di cui facciamo esperienza quotidiana semplicemente stando al mondo.

a cura di Alessandra Pace

Related Posts
The Revolutionary I © Carles Congost, 2004