Blu

BLU – Walls AroundIMG_08321-e1448376802857

Opening: 24.03.2007 – h. 18.00

From 20.03.2007 to 19.05.2007

Sbarazzatosi del retaggio graffitista che prevedeva la creazione delle oramai manieriste scritte sui muri e rinunciato alla tag, quale elemento di riconoscibilità autoriale, Blu (1981) ci offre un immaginario più vasto, denso di simbologie contemporanee che si mescolano in una danza segnica dallo stile personalissimo. Il suo lavoro è riconducibile, in linea genealogica, a quel filone
nato con il graffitismo degli ultimi anni ’70 e giunto agli onori della critica e del mercato negli anni ’80 con i più famosi Haring e Basquiat, ma il carattere a tratti crudo e ibrido delle tematiche affrontate, così come il rapporto innovativo tra segno e architettura, sembra fornire nuovi poli di interesse verso la street Art e i suoi presupposti.
Fondamentale resta, per Blu, l’intervento nello spazio urbano, quale forma espressiva che mira ad un incontro casuale, ma quasi violento, con un pubblico allargato e ad una trasfigurazione di luoghi spesso connotati dal monotono grigiore tipico delle periferie cittadine. Rinnovati appaiono, invece, stile e linguaggio che riflettono un background contemporaneo dove comics e cartoons diventano importanti elementi ispirativi. Non si tratta dell’affermazione urlata dell’io dell’artefice, come accadeva tra i writers, ma dell’elaborazione di un universo di immagini che, rintracciabili in città, paesi e continenti diversi, delineano esse stesse il profilo di un’esistenza nomade in continua evoluzione creativa. In occasione di questa persona le verrà presentata, dunque, una ricognizione che possa avvicinarci sia alla poetica che al modo di operare di questo artista. Saranno visibili alcuni disegni su carta provenienti dallo sketch book, un quaderno di appunti visivi utilizzato come fase preliminare di ogni ideazione. Blu, infatti, procede raccogliendo su carta il proprio repertorio di immagini con la duplice funzione di progetto e di testimonianza per dipinti la cui permanenza sui muri diventa piuttosto effimera. Tuttavia l’invito sarà quello di uscire dallo spazio espositivo per un incontro autentico con una forma espressiva che necessariamente deve accadere negli spazi della città, nell’incontro con i luoghi e con chi vi si trova a passare. Blu ha preso parte a numerosissime esposizioni personali e collettive, in spazi pubblici e privati, sia in Italia che all’estero.

 

Blu

Related Posts
STEVEN PIPPINShilpa Gupta